Presenza, aria, presentimento

di ELENA DI RADDO

2002

La favola di Butades pone all’origine della pittura anche un altro aspetto della realtà umana, l’amore, che ha portato alla necessità di tramandare alla memoria i lineamenti dell’amato. All’amore fa riferimento il lavoro di Riccardo Paracchini che si ‘innamora’ sempre delle donne di carta, ritagliate dai giornali illustrati, che sceglie come punto di partenza dei suoi dipinti. In Paracchini l’errore ha un valore morale, e la pittura una funzione educatrice. L’artista sceglie accuratamente le fotografie di giovani donne pubblicate sulle riviste di moda e procede con la pittura a coprire parti del loro corpo, a vestirle di colore blu con il quale nasconde anche il loro volto. Le donne si trasformano in questo modo in creature angeliche con le ali, o in Madonne, assumono una valenza universale. La pittura procede dal contingente all’eterno, idealizza il sentimento d’amore.

Nonostante l’impostazione materialista della società dei consumi, le cose del mondo non sono semplici presenze mute. Il loro stesso mutismo ci induce a sprofondare nel ricordo dell’uso che ne facevamo o del bisogno che ne abbiamo. In un suo libricino Nabokov sostiene che non bisogna lasciarsi trasportare dal ricordo dell’oggetto che non può portare che nostalgia e rimpianto. Le cose sono, nel momento stesso in cui esistono. La loro storia ci porterebbe troppo lontano nel tempo, annullando il loro essere presente, temporaneo, immanente. Rimanere in bilico tra presente e passato significa riuscire a superare la trasparenza degli oggetti, la permeabilità del presente. Pensare alle cose, ad esseri inanimati, privi di sentire, di organicità, di un loro tempo interiore, significa spostare l’attenzione su ciò che sta al loro esterno, sulle relazioni che intrattengono con noi. La storia apparente di una cosa diviene così la nostra storia, con i sentimenti, le riflessioni, le emozioni che li hanno resi protagonisti di certi eventi.

Il tempo degli oggetti è il nostro tempo, il loro spazio è lo spazio della nostra interazione. Nel momento stesso in cui pensiamo un oggetto, esso non esiste più per se stesso, ma assume i caratteri del nostro essere e del nostro pensiero. Le cose appartengono alla nostra quotidianità più delle vicende del mondo. Anche l’assoluto cui sembra alludere la pittura di Paracchini è implicato con la contingenza: nell’aspirazione alla moralità del suo lavoro è possibile leggere una componente tutta umana. Le sue pitture sono icone laiche che racchiudono il bisogno dell’uomo di andare oltre la contingenza delle cose. “Cerchiamo l’assoluto – scriveva Novalis – ma ci aspettano soltanto le cose”. In questo paradosso è forse racchiuso un nuovo umanesimo.

Tratto dall’omonimo catalogo “Presenza, aria, presentimento”, 2002.

Altri Testi…

Riccardo Paracchini, o della Trasfigurazione

di SERGIO MANDELLI 2018 La sua carriera d’artista ha sempre preso in considerazione l’aspetto della mistica.
Sono stato attratto da alcuni dipinti recenti che ho scoperto in rete e che trovo incantevoli.
Sono figure sacre, madri con bambino, sacre famiglie, ma soprattutto angeli.

La semplicità dell’impossibile

di PIERANGELO SEQUERI 2016 La scena dell’Annunciazione è stata certamente un tema di speciale affezione per la tradizione iconografica. L’artista, il suo meglio, lo dà come spirito sensibile alla potenza dell’immaginazione che ricrea l’evento. Non è l’esegesi del...

Nuovo umanesimo

Dopo una lunga pausa di silenzio, nel 2015 inizia un nuovo progetto: “Nuovo umanesimo”. Si assiste al ritorno della pittura, ma in modo ancora più estremo. Il punto di partenza è ancora l’immagine fotografica, il reale. Ma a differenza del “periodo blu” (La storia...

La Creazione

di CHIARA MARI      2011 “Ho approfondito il passo della Genesi sulla creazione dell’uomo e della donna alla luce del Nuovo Testamento e del «Sì» di Maria al progetto di Dio di riscattare l’umanità dal peccato attraverso l’Incarnazione di Suo Figlio Gesù....

Una ruota che sale e scende dallo sgabello

di LUCA SCARABELLI 2008   Questo progetto espositivo prende le mosse da un mio testo pubblicato nel catalogo di una mostra tenutasi qualche anno fa (era il 1996), in occasione dei mondiali di ciclismo su strada ospitati a Lugano, evento a cui parteciparono più di...

Esistenze acefale

di MAURIZIO MEDAGLIA  2006   Un cielo blu che circonda e circola sopra, sotto e intorno a bianchi ectoplasmi di vesti dalle quali fuoriescono frammenti, escrescenze, di carne; un cielo blu, una ghigliottina celeste, che mozza le teste a figure intere tenute...

Una tesi

di MARTINA SANTIMONE 2002 Un giorno, qualche anno fa, ebbi modo di ammirare, ad una mostra, dei quadri blu che mi colpirono molto. Erano grandi e ognuno era caratterizzato da figure senza volto, o meglio, con il volto cancellato dal colore. Esse erano state vestite,...

Del veder leggero e forte

di DEBORA FERRARI 2003   Non si tratta di comprendere dei fatti artistici leggendoli in una luce necessariamente di pura artisticità, occorre capire un fenomeno e l’intelligenza che lo ha mosso. Di fronte a percorsi di luce e colore la simbologia e la metafora si...

L’altra idea di sospensione

di ROBERTO BORGHI 2002   In altri tempi la si sarebbe forse definita una tendenza. Oggi quest’espressione – che possiede molteplici sfumature irritanti – è stata generalmente accantonata, ma permane nella sua accezione letterale, nella sua pretesa di descrivere...

Presenza, aria, presentimento

di ELENA DI RADDO 2002 La favola di Butades pone all’origine della pittura anche un altro aspetto della realtà umana, l’amore, che ha portato alla necessità di tramandare alla memoria i lineamenti dell’amato. All’amore fa riferimento il lavoro di Riccardo Paracchini...